Comunicazione (in)efficace: predicare

839818718_95dccf5f90_z

“A volte bisogna sottomettere il piccolo bastardo” recita l testo sotto la foto. Ovviamente no, ma la foto era divertente e a volte, quando sono piccoli, verso i due anni, i bambini sono in grado di mettere a dura prova la nostra pazienza dato che hanno deciso di essere grandi. C’è poi un’altra età in cui sono quasi grandi, l’adolescenza, in cui ci mettono a dura prova. Decidono di fare di testa propria, non ci parlano finchè non sono nei guai oppure con l’umore sotto i tacchi per delusioni amicali, amorose, scolastiche.

CONTINUA A LEGGERE

Dirigere dare ordini

A volte sembra così semplice.

Tu hai un problema. Io vedo la soluzione. Te la dico e stop.

Problema 1:

sei sicuro che quella sia la soluzione buona per me?

Problema 2:

come mi prospetti questa soluzione? Per caso vuoi farmi passare da imbecille?

In realtà, quando un genitore o un amico ci prospettano la soluzione sono, dato l’affetto che provano per chi ha il problema, affettivamente ed emotivamente coinvolti. L’ultima cosa che vogliono è farci sentire imbecilli.

CONTINUA A LEGGERE

il sonno nel neonato dai 6 ai 12 mesi

Al momento della nascita il neonato trascorre, fatto salvo eventuali problemi di salute, prematurità, sofferenze,  deficienze cerebrali o altro, la maggior parte del tempo a dormire. Man mano che cresce le ore si riducono, arrivando, intorno ai sei mesi al riconoscimento del ritmo sonno notturno, veglia diurna con uno o due riposini.

Quel che spesso accade è che i neogenitori, alle prime armi, stanchi di giornate lavorative di vario tipo, alla sera non vedano l’ora che il piccolo dorma, sia per fare cose in casa, sia per riuscire a scambiare due parole.

CONTINUA A LEGGERE

Bambini frustrati e aggressivi? Aiuto!

68641089_2ee791a9aa_mMi capita sempre più spesso di vedere genitori vessati dai figli. Bambini urlanti costringono i genitori a fuggire da ristoranti, supermercati, feste pubbliche o private.

A volte addirittura vengo a sapere di bambini che alla tenera età di 12/18 mesi, già aggrediscono la mamma o il papà a morsi.

Diciamo subito che il bambino, a meno che non cresca in una famiglia aggressiva e sia percosso, non sa che percuotendo o mordendo, fa male.  Attenzione, non vi sto dicendo di picchiare o mordere, non sia mai.

CONTINUA A LEGGERE

Parenti ingerenti che approfittano delle feste, Aiuto!

berle-suoceraSono appena finite le feste di Natale e incombe la Befana…

E cosa succede durante queste feste? Che parenti vari hanno occasione di vedervi all’opera come genitori e, ahimè, non perdono occasione di darvi consigli indesiderati.

Ora una serie di consigli andrebbero dati ai parenti, primo fra tutti, NON date consigli indesiderati, nessuno ve li ha chiesti!

Però difficilmente quei parenti leggeranno questo articolo, mentre invece lo leggerete voi, genitori, più o meno novelli…

CONTINUA A LEGGERE

Consulente familiare: Il tradimento è la fine dell’amore?

145

Intanto parliamone: quando finisce un amore?

Perché  a volte finisce l’innamoramento, che non è l’amore, ma noi lo chiamiamo amore perché non si conosce la differenza tra queste due fasi, a volte presenti in sequenza, a volte no, dell’amore.

Oggi di questo ENORME  argomento, su cui sono stati scritti TONNELLATE di: romanzi, saggi, articoli, poesie e chi più ne ha più ne metta, voglio trattare SOLO la  fase POST storia d’amore, quando cioè, c’è il dolore, a vari livelli, emotivo, a volte fisico, per la mancanza, per la privazione dell’oggetto d’amore.

CONTINUA A LEGGERE

Consulente familiare: Bambini iperstimolati? Aiuto!

130Questo articolo non pretende di fare un approfondito studio sociologico sull’argomento, ma si basa sulla mia esperienza di consulente familiare e osservazione diretta. Quello che m’interessa e fare una riflessione sul tema per darvi una migliore qualità di vita, per questo il breve excursus è utile a capire meglio cambiamenti e risultati che questi cambiamenti portano.

Se compariamo l’infanzia di un bimbo degli anni ’60, degli anni ’80 e di oggi salta agli occhi una grande differenza. Il bimbo del 1960 giocava con poche cose, biglie, tappi, costruiva spesso da se i suoi divertimenti, l’antenato dello skateboard, fatto con le sfere dei cuscinetti che si trovavano dal meccanico. Le bimbe emulavano con i giochi, situazioni di vita familiare. Un mondo antico, forse da ridiscutere, per la diversificazione netta dei ruoli, ma che per molti versi dava ai bambini la possibilità di intrattenersi in modo autonomo. Per non parlare dei giochi socializzanti con la palla, con un pezzo di stoffa : nascondino, acchiapparella eccetera.

CONTINUA A LEGGERE

Consulente familiare: quando i genitori litigano, aiuto!

100

Se avete genitori in questa situazione, potrebbe essere utile invitarli alla lettura.

C’è un problema che affligge le famiglie, più degli adolescenti ribelli… sono i genitori litigiosi! Soprattutto quando questi litigi durano da anni, forse da decenni!

Ne parlavo poco fa con una mia cliente, che chiamerò Maria, sempre per la privacy. Maria mi ha detto che è andata a convivere con il suo ragazzo, finalmente, sfuggendo a questo teatrino, anzi, diciamo a questo dramma quotidiano, dei genitori che litigano.

CONTINUA A LEGGERE

Vita di coppia: ho bisogno di aiuto!

139

Eccola lì la vostra creatura meravigliosa, dopo nove mesi di attesa potete finalmente conoscerla…

Tutta la vostra attenzione è focalizzata su di lei: le poppate, le notti insonni, la fatica vera, quella di crescere una creatura, lavorando, mantenendo la concentrazione sul lavoro, che non permette distrazioni. E la casa, la spesa, il mangiare, qualche parente che ha bisogno di una mano.

E voi siete lì, in mezzo a questa lavatrice emotiva, con una creatura che cresce e richiede cure e attenzioni e voi, come coppia, che non avete più spazio né per parlare, né per un po’ di sana intimità, data l’enorme stanchezza.

CONTINUA A LEGGERE

APPUNTI DI PNL 11.5: Consulente familiare

130

Mi guardo intorno, per strada, nei ristoranti, al cinema, ovunque vada, noto che sempre più famiglie mostrano di aver bisogno del supporto del consulente familiare.

So di neonati che vengono messi nella schiera degli angeli, perché mangiano  e dormono, e neonati che, inspiegabilmente e improvvisamente, smettono di dormire bene e cominciano ad essere classificati fra i “cattivi”.

La maggior parte dei genitori sa che i neonati non amano i cambiamenti, ma dentizione, inserimento al nido, cambio casa, e tutte le cose che accadono normalmente nella vita, costituiscono un disturbo nella routine del bimbo.

CONTINUA A LEGGERE