A cuore aperto!

È bello proseguire il percorso iniziato la scorsa settimana… continuo a divertirmi e la cosa più importante è che vedo che i miei… come chiamarvi?… i miei corsisti/aiutanti nella mia crescita come trainer e come essere umano, si divertono con me! Trovo tutto questo fantastico, ne sono entusiasta!

Mi guardo indetro di una decina d’anni, vedo una ragazza spaurita che “dava l’impressione” di essere sicura, ma non lo era. Mi guardo avanti e mi prefiguro, immagino bellissime cose, la trasformazione, il cambiamento, costante ed equilibrato, della crescita. Oggi mi guardo allo specchio e mi riconosco, mi amo e mi apprezzo, come direbbe Louise Hay.

Il cambiamento, se lo desideri, è possibile. Ma solo se lo fai per far felice te.

Non puoi cambiare e raggiungere il tuo te stesso al 100% (come direbbe Dyer) se non sei focalizzato su di te, su ciò che vuoi diventare, su chi vuoi essere. Voglio dire che qualunque cosa tu faccia per far contenti tua madre, tuo padre, il/la tuo/a partner, il tuo capo, non funzionerà. Perché tu non troverai te stesso, ma vivrai nel mondo delle idee (come sostiene Platone) mentre la vita vera è fuori dalla “caverna”. I mostri che vedi sono solo le ombre delle tue paure.

Ma non c’è da aver timore se, come prima cosa, apprendiamo ad amarci e a guardarci come se fossimo neonati. Hai mai visto un neonato quando sorride che faccia ha? È puro, incontaminato. La sua dimensione del reale e del sogno è tutt’uno. Non ha limiti ed è amato per il semplice fatto di esistere. Egli ama se stesso ed è concentrato su ciò che lo rende felice e, se lo guardi, non puoi dubitare un istante della sua felicità purissima.

Siamo circondati di persone che ci dicono di “tenere i piedi per terra” ma, nella maggior parte dei casi vogliono dire, “tenere il profilo basso”, non “illudersi”, perché le lotterie della vita le vincono sempre gli altri. Io invece voglio invitarti a vincere, le tue resistenze, le tue paure, a vivere in contatto profondo con te stesso, ad amarti incondizionatamente, perché questa è la chiave per trovarti, sono le macerie, se la vita ti ha ferito, sotto le bugie che ti dici, per timore del fallimento, che non ti fanno accedere al tuo vero io.

Rischio di superare la lunghezza media di un articolo in rete. Di lavoro su di sé ce n’è da fare… tutto sta nel cominciare, con la disciplina che preferisci, qualunque essa sia, perché la cosa fondamentale è la tua fiducia e la tua costanza. Fiducia in chi ti guida e costanza nel tuo percorso, che come un vero regime alimentare per stare in forma, ti accompagna piacevolmente, come scelta consapevole, per tutta la vita.

Mi rendo conto che ho tante cose nel cuore e nella mente e, un po’ come al corso, premono per uscire, perché il desiderio di condividere è immenso.

Chiunque tu sia e mi stai leggendo, che la Luce illumini il tuo cammino e l’Amore arricchisca il tuo cuore: noi siamo tutti una sola cosa!12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.