Sono un genitore spartano

Essere genitori è impegnativo, a volte pare impossibile. E’ difficile proteggere, senza soffocare, guidare, senza ostruire la visuale, incoraggiare, senza sospingere nè tirare, dare agio al talento di uscire, senza proiettarvi il o i propri talenti,o al contrario gasare perchè “sanno fare quello in cui io sono un impedito”;  mettere paletti, dando la possibilità ove appaia l’intelligenza necessaria, di superarli e trovare una strada intonsa da percorrere, tenersi i batticuori e le paure chiuse nello sgabuzzino delle cianfrusaglie, come cose che non servono a crescere bene i propri figli.

CONTINUA A LEGGERE

Settembre tempo di ricominciare… come?

125800205_3043a04055_z

Vacanze? Finite

Lavoro? Ricomincia

E noi? Siamo pronti?

Riapriamo le valigie, rimettiamo a posto i vestiti e le idee.

I nostri piccoli crescono. Quanto crescono! Sembra ieri che ancora non gattonavano e adesso ci parlano, anzi, se sono grandi altro che parlare!

Il  quotidiano tran tran ricomincia, con i ritmi che sappiamo e il nostro piccolo tesoro sta per rientrare al nido o fa un salto ancora più grande, entra alla scuola “dei grandi”.

CONTINUA A LEGGERE

Di chi è figlio il femminicida?

25900316453_da634592d5_c

Intanto i dati reali della violenza sulle donne statistica al 2014

http://www.repubblica.it/cronaca/2015/11/25/news/violenza_sulle_donne_femminicidi_in_italia_e_nel_mondo-128131159/

se preferite un video eccolo

Si tende ad addossare la colpa del femminicidio agli uomini. Si cerca di farli passare per malati mentali. Forse per una riduzione della pena. Si dice, genericamente:”E’ colpa di questa società malata!”. Chi mi legge e mi conosce lo sa. Detesto il concetto di colpa, preferendo di gran lunga il concetto di responsabilità. Questi uomini che uccidono le donne con giustificazioni più diverse che vanno dal:”Non posso vivere senza di lei – al – o con me o con nessun altro – al – se mi tradisci sei morta! , sono stati allevati da una famiglia. Una famiglia che dovrebbe passare dei valori ma che ha delle carenze di base, di comunicazione, di gestione emotiva, ha forse regole coercitive, sicuramente un’incapacità grave di empatia e di ascolto.

CONTINUA A LEGGERE

Il Primo Percorso per Genitori E.F. ( Efficaci e Felici)

Perché iscriversi a questo corso per Genitori E.F.  Efficaci e Felici

Quando vai al supermercato, se tuo figlio ti chiede questo e quello,  tu non riesci a dirgli no?

Ti capita di non poter andare al ristorante per i capricci che fa?

Può succedere che tuo figlio adolescente non rispetti le regole che gli dai?

Questa frase:”E’ intelligente ma non si applica!” l’hai sentita dire a proposito di tuo figlio?

CONTINUA A LEGGERE

APPUNTI DI PNL 11.5: Consulente familiare

130

Mi guardo intorno, per strada, nei ristoranti, al cinema, ovunque vada, noto che sempre più famiglie mostrano di aver bisogno del supporto del consulente familiare.

So di neonati che vengono messi nella schiera degli angeli, perché mangiano  e dormono, e neonati che, inspiegabilmente e improvvisamente, smettono di dormire bene e cominciano ad essere classificati fra i “cattivi”.

La maggior parte dei genitori sa che i neonati non amano i cambiamenti, ma dentizione, inserimento al nido, cambio casa, e tutte le cose che accadono normalmente nella vita, costituiscono un disturbo nella routine del bimbo.

CONTINUA A LEGGERE

APPUNTI DI PNL 11.4: PNL artistica integrata

Tutto nasce dalla mia esperienza di vita. Cresciuta nello studio d’arte di mio padre, il Maestro Gianpistone, che all’Arte pura e all’Arte come codice di comunicazione ed integrazione ha dedicato l’intera vita, negli ultimi anni ho cercato di capire cosa mi desse la possibilità di incastonare l’arte, come una pietra preziosa, nella mia esperienza di coach.

Nel 2007 mi sono laureata con una tesi in sociologia delle arti, al DAMS, dove ho analizzato la profondità, l’utilità e la grandezza dell’esperienza avvenuta nei 13 anni della mia formazione, dai 12 ai 25 anni, allo Studio Arte Equipe 66, diretto da Gianpistone. Un’esperienza così forte che ha lasciato in me sempre il desiderio di ricrearlo.

CONTINUA A LEGGERE

APPUNTI DI PNL 11.2: PNL di III generazione

Oggi ho conosciuto una ragazza al mare. Una bella ragazza, un po’ nascosta dietro qualche chiletto, ma bella. La chiamerò Alessandra, nome di fantasia.

Abbiamo parlato un po’ insieme e con grande semplicità ci siamo raccontate un po’ di vita. Il cibo, il modo di essere. Una cosa piacevole.

Mi ha detto dell’università lasciata, di un lavoro che non c’è. Del suo trasloco da una grande città in una cittadina di mare. Le ho dato qualche dritta per il lavoro indicandole un percorso possibile in un settore che non conosce crisi, se fai bene il tuo lavoro.

CONTINUA A LEGGERE

APPUNTI DI PNL 11.1: PNL di III generazione

01

Avverto i deboli di cuore. In questo articolo si usa un linguaggio forte, con qualche parola pesante. È necessaria. Se non vi piacciono, non leggete l’articolo. Soprattutto, non è roba da far leggere ai bambini, per favore.

Parlando con le persone, mi sono resa conto che hanno le idee un po’ confuse sulla PNL, alcuni hanno addirittura una pessima idea della PNL. E li capisco, oggi se cerchi in rete puoi comprati un diploma PNL online a pochi euro. Penso ci compri delle dispense, non so che robaccia ti danno.

CONTINUA A LEGGERE

APPUNTI DI PNL 10: Credere tra talento e congruenza

16

Le azioni che facciamo, le facciamo quasi sempre spinti da un pensiero, consapevole o meno. E questo pensiero è basato su esperienze pregresse, su cose che crediamo, e perché le crediamo, le rendiamo reali.

Un esempio pratico. Mi sono sempre considerata fortunata in amore. La cosa che ho sempre detto è: “Non c’è una persona che io non possa conquistare, se la voglio, è mia!” Eppure non è che abbia avuto chissà che vita da seduttrice o abbia avuto chissà quali esperienze.

CONTINUA A LEGGERE

APPUNTI DI PNL 9: La leadership

02

Mi è venuta voglia di scrivere questo articolo dato che ultimamente alcuni clienti mi hanno chiesto una mano per potenziare la loro leadership.

Spesso si tende a pensare alla leadership come qualcosa di astratto, una formula magica che, come la polverina per volare della fatina di Peter Pan, possa calare dall’alto della “sapienza del coach” sul cliente. Beh, non è affatto così. La leadership assomiglia più ad un vestito fatto su misura.

CONTINUA A LEGGERE